domenica 18 novembre 2018

Book City, Mirror Mirror è polo tematico

www.mirrormirror.it/a-book-city-mirror-mirror-e-polo-tematico

A Book City, Mirror Mirror è polo tematico


Presentato oggi il programma completo di BCM18 e Mirror Mirror è stato eletto “polo tematico” del #nolodistrict.

Questa mattina, alle 11:00, si è aperta ufficialmente la nuova avventura di Book City Milano 2018, una grande kermesse voluta dalComune di Milano e dall’Associazione BookCity Milano, dedicata al libro ed ai suoi protagonisti. Per la seconda volta, da quando la Libreria Covo della Ladra ha aperto le sue porte, abbiamo il piacere di presentare a programma un insieme di eventi e iniziative che partono dal libro che tracciare nuovi percorsi di lettura e nuova esperienze. Per la prima volta. però, Book City ha scelto un nostro programma per eleggerlo “polo tematico” all’interno della programmazione di più di 1300 eventi.
Una piccola conquista che per noi è un po’ come il primo passo dell’uomo sulla luna. Perchè in un momento storico in cui di “libri non si campa”, il nostro intento di “spacciare cultura” appena ci è possibile, ci sta dando dei frutti davvero inaspettati. Sarà vero che le persone non leggono, ma è anche vero che le storie e le trame che possono nascere da una semplice pagina di un libro, possono essere infinite e attrarre interesse e partecipazione. 
Noi, quest’anno, ci proviamo così. Da oggi il programma completo di Book City lo trovate qui >> https://www.bookcitymilano.it/eventi
Quello di Mirror Mirror, invece, potete continuare a seguirlo da questo sito e dalla pagina facebook della Libreria e di Mirror Mirror
Il conto alla rovescia è ufficialmente iniziato. Siete pronti per una nuova dimensione di lettura?

domenica 21 ottobre 2018

MANUAL MENTE il profit incontra il no profit




MANUAL MENTE è un termine preciso e ambiguo.

Preciso perché indica le cose fatte a mano.
L’ambiguità, per chi la coglie, è in quel leggero stacco tra manual e mente per suggerire che oltre all’abilità del fine facitore c’è una testa impegnata a collaborare.

Ecco, questo è il senso che abbiamo dato alla nostra voglia di fare. Siamo un gruppo di signore, e alcuni signori, che trascorrono molto tempo dell’anno in campagna, fra il pavese e il piacentino, e amano ritrovarsi per dar spazio alla loro fantasia, creatività, un po’ di tecnica e al piacere di stare assieme. E così realizziamo cose di sartoria ma anche oggetti di qualsiasi genere, sui quali applichiamo l’etichetta MANUAL MENTE, per farci riconoscere.





domenica 29 luglio 2018

Mirrormirror


mirrormirror, è una nuova iniziativa imprenditoriale, dove il profit incontra il no profit, mirrormirror  durante Bookcity promuoverà una serie di eventi ed incontri
 mirrormirror  è partito ora con un crowfunding che offre diversi e particolari rewards.
Mirrormirror è una start up che viene sviluppata da un team che sta già lavorando insieme su un progetto nel sociale dal nome “viapadova la strada che unisce“, finanziato attraverso il bando del volontariato 2018 da Fondazione Cariplo  e dalla Regone Lombardia.

MIRROR MIRROR è una mappa concettuale in grado di coinvolgere più tematiche, più location, più tipologie di incontri e più attori.

Un’organismo vivo che si alimenta con gli interessi dei partecipanti e il coinvolgimento del quartiere e dei luoghi deputati al suo svolgere.
Un programma di eventi, incontri e dibattiti che coinvolgono realtà qualificate e specializzate, come case editrici, studiosi e ricercatori, ma anche la collettività, il quartiere, gli studenti, i lettori.
Uno strumento di pensiero che non è solo evento ma base per nuove connessioni, riflessioni, “punti di vista
Questa iniziativa dimostra che se ci sono gli ingredienti giusti si possono avviare progetti interessanti 

domenica 11 febbraio 2018

Influencers marketing

Influencers marketing, nuove professioni nel marketing?, ma è un buon business?

Influencers marketing per alcuni è la moda di tendenza , che fa molto "cool", per altri sono dei "bluff", per altri ancora non capiscono se è vero quello che dicono e propongono.

Intanto diciamo che sempre sono esistite delle persone che vengono identificate, a torto o ragione, con stili di vita o meglio, che loro vogliono presentare com
e loro stile di vita.

Tutto questo cosa porta? Che le aziende nella loro politica di marketing, ritengono di rivolgersi agli influencers per la promozione di uno stile di vita, che utilizza certi prodotti, ma sopratutto, che sono verificabili direttamente sul e dal mercato.

Questo è il vero successo o meno dell'influencer che ha riscontro immediato, perchè presentando un prodotto, la risposta dei followers è immediata e l'azienda coglie le possibilità per meglio orientare il prodotto/servizio, cercando di anticipare, o meglio di "influenzare" i comportamenti

domenica 29 ottobre 2017

Milano smau

Siamo nella direzione giusta, la risposta dei visitatori è stata positiva, perché la maggioranza degli espositori presentavano progetti e prodotti che denotavano vitalità.

Vitalità? certo è uno dei requisiti per sviluppare un business, soprattutto se è presentato da giovani, con voglia di crescere e realizzare iniziative che producano benessere, non solo economico, a tutti gli stakeholder.

Questa vitalità è l'aspetto trainante di Milano e lo smau rientra in questa logica.

 Milano, sta diventando sempre più centro di riferimento di lifestyle internazionale e lo sforzo è di contribuire al continuo sviluppo in una logica di proporre nuovi equilibri.

domenica 10 settembre 2017

vogue night fashion 2017

da vogue night fashion  a vogue for milano
Quanta strada dalla prima edizione,  la capacità di cogliere gli aspetti del  grande pubblico e guidarli in un percorso come quello di quest'anno, sono il successo di questo evento.
Ben ripreso dal seguente articolo che riporto:
"Milano sta attraversando un momento glorioso nel landscape internazionale. Bisogna concentrare le forze, come fanno gli altri Paesi, che puntano sulla capitale, da Londra a Parigi. E Milano è la capitale della moda italiana". Così Franca Sozzani, direttore di Vogue Italia, ha spiegato ad Affaritaliani
Certo non c'è più il solo giro milanese dei primi anni, guidato dalla mitica Franca, però è un bene per Milano, se come sopra riportato si vuol veramente competere a livello internazionale